Caffè di giovedì 11 maggio 2023

di padre Marco Chiesa
– Comunità di Roma – Casa generalizia –

***

Buongiorno, cari amici, con il caffè carmelitano di oggi, 11 maggio 2023.

V settimana del Tempo di Pasqua.

Dal vangelo secondo Giovanni (15, 9-11)

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena».

Questo breve brano evangelico segue al paragone della vite vera e dei tralci. Oggi, Gesù insiste ancora sul tema del “rimanere uniti a lui”, accostandovi due elementi importanti, cioè i “comandamenti” e la “gioia”.

A prima vista, potrebbero sembrare elementi molto diversi e non facili da unire: infatti, nell’immaginario collettivo, i comandamenti si accostano più facilmente al dovere o alla fatica, che alla gioia. Per questo alla base di tutto c’è un imperativo imprescindibile “rimante nel mio amore”. Sì, è proprio l’amore – quell’amore che viene dal Padre ed è riversato su di noi dal Figlio – che rende possibile ciò che non è umanamente immediato.

Osservare i comandamenti di Gesù, ci permette di immergerci nell’amore, perché, se ci pensiamo, il comandamento più importante è quello di fidarci di lui, avere il coraggio di entrare fiduciosamente nella sua mano – come direbbe S. Teresa di Gesù Bambino – e lasciarci trasportare da questo torrente di amore.

Gesù stesso ci dà l’esempio, come abbiamo sentito: “io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore”. Come cristiani, dunque, non ci resta che seguire il suo esempio, nella consapevolezza che l’amore è in grado di smuovere le montagne. In effetti, quando si è innamorati, si riesce a fare ciò che magari prima si pensava impossibile… e, se ciò è vero per l’amore umano, quanto lo sarà per quello divino: i Santi ce lo dimostrano ampiamente!

Osservare i comandamenti, dunque, non sarà più una questione di dovere, di sforzo, di privazione, ma una conseguenza naturale, dettata dall’amore. Non solo, ma tutto questo ci porterà sempre più a “rimanere nel suo Amore”… e non ne potremo fare a meno!

In questa catena di grazia, si comprende bene il posto della “gioia” annunciata e donata da Gesù: la sua gioia che diventa nostra, una gioia piena, traboccante, una gioia che dà colore e senso a tutto quello che facciamo.

Certo, agli occhi del mondo tutto questo sembra un paradosso, perché normalmente la gioia viene cercata in cose materiali, ma come cristiani dobbiamo essere autenticamente felici e irradiare gioia, pronti a seguire le parole di Gesù e a fidarci completamente di lui.

Preghiamo.
O Dio, che per tua grazia
da peccatori ci fai giusti e da infelici ci rendi beati,
compi in noi le tue opere e sostienici con i tuoi doni,
perché a noi, giustificati per la fede,
non manchi la forza della perseveranza.
Per Cristo, nostro Signore. Amen.

Una buona e santa giornata a tutti voi!

***

19/21 maggio: Incontro Amici del “Caffè”

***

Prossime iniziative nei nostri conventi

19-21 maggio 2023
Bocca di Magra (SP)

Incontro nazionale
del Caffè carmelitano

7-12 giugno 2023
Lisieux (F)

PELLEGRINAGGIO

Luglio 2023
Arenzano (GE)

CAMPUS ESTIVI

1-19 agosto 2023
Lisbona (P)

GMG

***

Ricevi ogni mattina il testo del Caffè sulla tua email:

***

Visita i nostri siti:

***

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: